ricerca avanzata
contatti
largo Paisiello n. 5 - 95124 Catania
CF 800 1196 0871
t. +39 095 7153615
f.
protocollo@ordinearchitetticatania.it mail
ordinearchitetticatania@archiworldpec.it pec
orari segreteria
martedì_9.00/12.00 - 17.00/19.00
mercoledì_14.30/16.30
venerdì_9.00/12.00 - 17.00/19.00
area riservata
Home | OAPPC CT
07/02/2024
Visualizzato 3486 volte
comitato di redazione
OAPPC CT / Scadenze
OAPPC_CT I Contributo di iscrizione per l'anno 2024

Il Consiglio, con delibere n.256 del 17.10.2023 e 280 del 23.01.2024, ha rimodulato la quota di iscrizione per l’anno 2024 secondo quanto a seguire specificato.

Applicazione delle quote di iscrizione per l’anno 2024

Il Consiglio dell’Ordine degli Architetti P.P.C. della Provincia di Catania, con riferimento al pagamento della quota di iscrizione per l’anno 2024, decide di mantenere il sistema di applicazione degli importi differenziati in dipendenza del periodo in cui l’iscritto decide di procedere al versamento della quota, rimodulando le scadenze temporali e gli importi successivi alla prima scadenza secondo quanto riportato nel seguente schema: 

§  € 190,00 – versamenti eseguiti entro il 30 aprile 2024

§  € 220,00 – versamenti eseguiti entro il 31 agosto 2024

§  € 250,00 – versamenti eseguiti entro il 22 dicembre 2024

Le quote sopra indicate si applicano anche nei confronti delle S.T.P..

Si specifica che il sistema di differenziazione delle quote di iscrizione in quadrimestri, non implica né prevede imposizione di alcuna mora sui versamenti effettuati, nell’anno, successivamente al primo quadrimestre.

Si ricorda, inoltre, che:

-       il Consiglio dell’Ordine ha l’obbligo di trasmettere al Consiglio di Disciplina per i provvedimenti conseguenziali, alla fine di ogni anno, l’elenco degli iscritti morosi che alla data del 31 dicembre non hanno provveduto al pagamento della quota annuale;

-       a prescindere dal periodo di pagamento della quota di iscrizione da parte degli iscritti, l’Ordine, ogni anno, con scadenze stabilite, deve obbligatoriamente corrispondere al C.N.A.P.P.C. la quota di € 34,00 per ogni iscritto il cui nominativo non è stato trasmesso al Consiglio di Disciplina per la contestazione di morosità; 

-     il mancato pagamento della quota d’iscrizione, ai sensi dell’art. 4 comma 6 delle norme deontologiche, costituisce violazione disciplinare.

Si applicano, inoltre, le seguenti agevolazioni a favore degli iscritti aventi idonei requisiti:

1)   La quota di iscrizione per l’anno 2024 è fissata in € 100,00 per le iscritte che abbiano avuto una maternità nel 2023 (per maternità deve intendersi la condizione dell’essere divenuta madre dopo aver partorito un figlio). Tale condizione è valida anche per la paternità e non è cumulabile se entrambi i genitori sono iscritti a questo Ordine (cioè può fruirne soltanto uno dei due).

2)   La quota di iscrizione per l’anno 2024 non è dovuta per gli iscritti che hanno superato 80 anni di età, ovvero per i nati nell’anno 1944 o precedenti.

3)   La quota di iscrizione per l’anno 2024 è fissata in € 54,00 per gli iscritti colpiti nel 2023 da grave evento morboso, così come individuabile nei parametri assicurativi Inarcassa, con inabilità all’esercizio professionale superiore a 90 gg. consecutivi dimostrata da documentazione medica da esibirsi in uno alla richiesta da produrre in carta semplice. La suddetta agevolazione potrà essere richiesta una sola volta per anno e una sola volta in assoluto per singola specifica patologia diagnosticata che ha determinato il grave evento morboso, e non potrà, quindi essere reiterata nel tempo anche per successivi eventi correlati alla suddetta. Per maggiore chiarezza, si specifica che per “Patologia” si intende il processo morboso a carico dell’organismo, diagnosticato e certificato ufficialmente, che va considerato quale causa scatenante di specifici eventi o episodi morbosi e non può essere inteso in riferimento ad eventi successivi al primo singolo grave determinato quale conseguenza della patologia stessa. Ad es. se un soggetto è affetto da cardiopatia ufficialmente diagnosticata e certificata, manifestatasi con un singolo grave episodio morboso verificatosi nel 2023 e che ha ingenerato le circostanze di inabilità all’esercizio della professione secondo quanto sopra stabilito, potrà richiedere la riduzione della quota di iscrizione per l’anno 2024. Ove, per la stessa patologia, si verificassero successivamente all’anno 2023 uno o più episodi morbosi gravi (benchè ingeneranti le circostanze di inabilità all’esercizio della professione secondo quanto sopra esposto), restando immutata la causa scatenante già individuata (cardiopatia) non sarà più possibile richiedere la riduzione di quota. 

Sono escluse dalla riduzione di quota, quindi, le richieste relative a patologie croniche o invalidanti a tempo indeterminato successive alla prima, fatta a seguito di grave evento morboso verificatosi nell’anno precedente a quello per cui si richiede la riduzione.

4)   Per i colleghi che sono in possesso di doppia iscrizione presso il nostro Ordine è concesso il versamento dell’intera quota, al riguardo della prima iscrizione, e la riduzione al solo contributo a favore del CNAPPC, pari ad € 34,00, per la seconda iscrizione.

5)   La quota per chi accede alla prima iscrizione, qualora non già iscritto ad altro Albo professionale, è fissata in € 100,00 per i primi due anni di iscrizione e dovrà essere versata, per la prima volta, immediatamente dopo l’avvenuta iscrizione, mediante  pagamento del bollettino PagoPA che sarà inviato dalla Segreteria all’indirizzo PEC del nuovo iscritto.

Per le condizioni di cui ai punti 1) e 3) gli iscritti dovranno presentare richiesta ufficiale esclusivamente tramite PEC, trasmettendo istanza all’indirizzo ordinearchitetticatania@archiworldpec.it entro e non oltre il 29/02/2024, pena la perdita definitiva dell’agevolazione, allegando la documentazione giustificativa a supporto necessaria (certificato di nascita del figlio in caso di maternità, certificati sanitari nel caso di gravi eventi morbosi). Le agevolazioni non sono tra loro cumulabili e sono, in ogni caso, soggette a valutazione e approvazione da parte del Consiglio dell’Ordine in sede di prima adunanza utile.

 

Le agevolazioni di cui ai punti 1), 3) 4) e 5), non si applicano per gli iscritti che alla data del 31 dicembre 2023 non risultino in regola con i contributi dovuti.

 

Permane, anche per l’anno 2024, il “fondo di solidarietà” secondo quanto stabilito nel regolamento in fase di pubblicazione. 


Si ricorda che le istanze di cancellazione dall’Albo, per essere istruite ed espletate entro il 31.12.2024, devono pervenire alla Segreteria dell’Ordine, all’indirizzo email protocollo@ordinearchitetticatania.it entro e non oltre il 30 novembre dello specifico anno, in attuazione di quanto previsto dal regolamento. 

Il permanere delle agevolazioni consente, agli iscritti che si trovano in condizioni di non regolarità con il versamento delle quote di iscrizione all’Ordine relative agli anni pregressi al 2024 e che non hanno in atto un provvedimento disciplinare per morosità, la possibilità di estinguere il debito presentando all’indirizzo protocollo@ordinearchitetticatania.it istanza di rateizzazione della quota residua all’attenzione del Consiglio dell’Ordine. Ogni istanza pervenuta sarà valutata dal Consiglio che la dovrà autorizzare. Tale possibilità è concessa, in via del tutto eccezionale e, sempre, previa valutazione del Consiglio del caso specifico, anche agli iscritti che, nel tempo, hanno già richiesto rateizzazione del debito e omesso di ottemperare all’impegno preso disattendendo il pagamento di una o più rate. 

-       La richiesta di rateizzazione sarà presa in considerazione e concessa a condizione che vengano rispettate le disposizioni della delibera di Consiglio relativa sopra citata. 

-       L’importo complessivo oggetto di rateizzazione dovrà tenere conto di eventuali maggiorazioni dovute a mora, interessi e spese legali e di notifica, nei casi in cui la procedura abbia portato a farne ricorso.

-       A rateizzazione concessa, il pagamento delle rate sarà effettuato esclusivamente tramite emissione di bollettini PagoPA. 

-       Il numero delle rate della rateizzazione dovrà essere pari al numero di anni di morosità (una rata per ogni quota annuale dovuta). 

-       Ogni rata avrà importo pari al corrispettivo di una singola annualità evasa, inclusa la mora relativa, ove applicabile. Nel caso di importi residui questi saranno inclusi nel pagamento dell’ultima rata. 

-       La rateizzazione avrà cadenza trimestrale, a meno di esplicita richiesta dell’iscritto di ridurre l’intervallo temporale tra le rate per sue specifiche e motivate esigenze, esclusa ogni possibilità di estendere la cadenza oltre i tre mesi. 

-       Per gli iscritti con provvedimento di sospensione in atto, la revoca del provvedimento disciplinare è subordinata all’estinzione totale del debito in unica soluzione oppure all’avvenuto pagamento di tutte le rate previste dal piano di rateizzazione.

Il Consiglio, fermo restando quanto sopra stabilito, si riserva di esaminare l’eventuale documentazione ufficiale prodotta dal richiedente a supporto di casi straordinari e particolari situazioni di difficoltà e di valutare come procedere per lo specifico caso.

 

MODALITA’ DI PAGAMENTO

 

Tutte le Pubbliche Amministrazioni ed i soggetti indicati all’art. 2 del Codice dell’Amministrazione Digitale (D.Lgs. n. 82/2005) devono aderire al sistema “PagoPA”. La norma obbliga all’adesione al sistema tutti i gestori di pubblici servizi, a prescindere dalla loro natura giuridica, e le società a controllo pubblico così come definite nel decreto legislativo adottato in attuazione dell’articolo 18 della legge n. 124 del 2015, escluse le società quotate.

 Per tali motivazioni, il versamento del contributo di iscrizione relativo all’anno 2024 o di altre annualità pregresse potrà essere effettuato solo mediante il pagamento dell’avviso “PagoPA” che ogni iscritto riceverà a partire dal prossimo mese di marzo, presso il proprio indirizzo PEC.

 

NON SONO AMMESSI PAGAMENTI TRAMITE BONIFICI BANCARI O IN CONTANTI O CON CARTA PRESSO LA SEGRETERIA DELL’ORDINE.

 

Tutti i pagamenti effettuati erroneamente a mezzo bonifico saranno resi al mittente con stesso mezzo, senza obbligo di comunicazione ufficiale all’iscritto dell’avvenuta restituzione da parte della Segreteria, considerata la validità dell’attestazione di avvenuto contro-bonifico. Si evidenzia che la specifica circostanza espone l’iscritto al rischio di non ottemperanza delle scadenze e degli obblighi imposti dalla normativa e dal regolamento deontologico, implicando le conseguenze del caso. 

La delibera è immediatamente esecutiva.

 

copyright  CTWARE © 2014-2024
tutti i diritti riservati